Un tempo antica meta di pellegrinaggio, Santa Seraffa è una meravigliosa tenuta di diciotto ettari arroccata sul passo che divide la valle dello Scrivia dal Gaviese, in posizione dominante sulle circostanti colline.

Qui, da secoli, la coltivazione dell’uva cortese per ottenere il Gavi ha raggiunto l’eccellenza, grazie ad un particolare terroir che esalta l’eleganza e la freschezza dei vini.

Qui, da secoli, la coltivazione dell’uva cortese per ottenere il Gavi ha raggiunto l’eccellenza, grazie ad un particolare terroir che esalta l’eleganza e la freschezza dei vini.

Un tempo antica meta di pellegrinaggio, Tenuta Santa Seraffa è una meravigliosa tenuta di diciotto ettari arroccata sul passo che divide la valle dello Scrivia dal Gaviese, in posizione dominante sulle circostanti colline.

Storia

Del piccolo eremo di Santa Seraffa, arroccato sul passo che divide la valle dello Scrivia dal Gaviese, si hanno notizie sin dal dodicesimo secolo come antica meta di pellegrinaggio, lungo un antico percorso che raggiungeva la valle Scrivia. Nel 1228 ospitò gli ambasciatori di Milano e i delegati di Genova e Tortona a conclusione della guerra per il possesso di Arquata e Capriata. Già allora i monaci cistercensi coltivavano con amorevoli cure la vite contribuendo alla fama del buon vino di questa regione. Principe dei vitigni era – ed è tutt’ora - l’uva cortese, da cui si ottiene il Gavi, uno dei grandi bianchi del Piemonte. Il toponimo di Santa Seraffa si è conservato nella cascina omonima, forse sorta sulle rovine dell’antico monastero che, nella seconda metà del XVII secolo veniva indicato «chiesa e cascinale». Dopo anni di conduzione privata, Santa Seraffa è entrata a far parte del Gruppo Araldica nel 2017. Oggi sono 18 gli ettari coltivati, tutti all’interno nel Comune di Gavi, per una produzione di circa 125 mila bottiglie esclusivamente di Gavi DOCG del Comune di Gavi.

Vigneti

Santa Seraffa consta di 18 ettari di vigneto nel comune di Gavi. Unico vitigno della tenuta è il cortese, a cui vengono dedicati i migliori sforzi agronomici ed enologici al fine di ottenere Gavi dalla personalità unica, elegante, fine e luminosa.

Scopri i vigneti

Tra mare e collina

I vigneti di Santa Seraffa si estendono a Est del Comune di Gavi su di un sistema collinare che divide il Gaviese dalla valle dello Scrivia, ricco di boschi, vigneti soleggiati e corsi d’acqua. In quest’area il vitigno cortese si è sempre espresso al massimo delle sue potenzialità, delineando una personalità unica e definita: un grande vitigno capace di raccogliere la complessità dei vini piemontesi, la loro estrema eleganza, con le note e le caratteristiche della Liguria, la mineralità data dai suoi terreni e dall’influenza delle correnti saline, provenienti dal mare. È in questa meravigliosa congiuntura, tra mare e collina, nasce il terroir di Santa Seraffa e del Gavi.

Terreni bianchi e rossi

Santa Seraffa si colloca nella fascia centrale della denominazione Gavi, che comprende 11 comuni nell’estremo angolo sud orientale del Piemonte, in provincia di Alessandria. Questa fascia vede un’alternanza di marne e arenarie: terreni bianchi e calcarei di origine serravalliana, tipici della zona del Comune di Gavi. Dal punto di vista chimico-fisico, i suoli sono privi di calcare attivo e debolmente acidi, con permeabilità elevata e buona ritenzione idrica.

Un Gavi fresco e minerale

L’area tra Gavi e la valle dello Scrivia, caratterizzata da boschi e corsi d’acqua, presenta un microclima generalmente più umido delle zone circostanti. Il mix di suoli e le particolari condizioni pedoclimatiche, regalano vini di spiccata freschezza, caratterizzati da una vibrante acidità e una mineralità ben marcata.

Agricoltura integrata

I vini di Santa Seraffa, le cui uve vengono vendemmiate e vinificate nella cantina della tenuta, hanno ottenuto il marchio SQNPI - Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata. Il simbolo dell’ape che compare in etichetta garantisce al consumatore che ogni fase della produzione vitivinicola ha seguito stringenti parametri di produzione a lotta integrata, ovvero sostenibile ed ecocompatibile, certificati da un ente terzo imparziale.

Cantina

L’intero processo di vinificazione viene eseguito all’interno della Tenuta Santa Seraffa. Dopo la vendemmia manuale, le uve vengono immediatamente trasferite in cantina, raffreddate ad una temperatura di 5°C circa e gentilmente pressate. La pressatura a freddo consente di evitare microssidazioni e di preservare il meglio delle e sostanze aromatiche del vitigno cortese.


Gavi DOCG
del Comune di Gavi

Dettaglio Vino